Come creare un eBook in formato ePub usando LibreOffice o OpenOffice

Esistono molti strumenti per creare il proprio e-book, alcuni più professionali, altri più immediati, e c’è quasi l’imbarazzo della scelta. Ma se proprio non si vuole perdere tempo a studiarsi le modalità di utilizzo di un nuovo programma esiste anche la possibilità di utilizzare normali word processor, in particolare il Writer di LibreOffice e OpenOffice, che con l’aggiunta di un semplice plugin consentono di generare l’e-book in formato ePub.

La scrittura di un libro è un’attività lunga e faticosa e l’ultima cosa che vuole uno scrittore è quella di dover penare dietro ad un programma di videoscrittura che non sia comodo. E i programmi più comodi sono probabilmente quelli di videoscrittura delle suite da ufficio più diffuse, come Microsoft Office e LibreOffice e OpenOffice. Gli ultimi due sono progetti open source portati avanti dalle rispettive comunità di sviluppo e hanno ormai raggiunto un livello di maturità tale da renderli perfettamente usabili e soprattutto sono gratuiti.

Va fatta la premessa che mettersi al PC e scrivere un libro è certamente il lavoro dello scrittore. Ma impaginarlo ed esportarlo in formato ePub, o eventualmente adattarlo alla stampa, richiede anche una certa conoscenza degli aspetti tecnici come i margini, i caratteri, le dimensioni… tutte cose che non dovrete perdere tempo a conoscere se vi rivolgeste ad un esperto grafico impaginatore perché sarà lui a gestire il tutto per voi in maniera ottimale.
Se invece siete per il do-it-yourself potete seguire questa guida per usare il Writer di LibreOffice/OpenOffice per creare il vostro ePub. Per comodità d’ora in poi mi riferirò solo a LibreOffice, ma i passaggi sono sostanzialmente identici anche per OpenOffice.

Scaricare LibreOffice

Il primo passo da fare è ovviamente quello di dotarsi di LibreOffice che è completamente gratuito. Quindi se non lo state già usando andate sulla pagina di download e selezionate la versione specifica per il vostro sistema operativo. Il file d’installazione sarà grande circa 200 MB, quindi potrebbe volerci qualche minuto se la vostra connessione a internet non è delle più scattanti.

Una volta scaricato basta seguire la classica procedura d’installazione e in pochi minuti lo avrete a disposizione sul vostro computer.

Scaricare l’estensione eLAIX

Di base LibreOffice non gestisce gli ePub, ma è possibile dotarlo di un’estensione che lo faccia. In questo caso si tratta di eLAIX, progetto di un’azienda tedesca nato per la diffusione di materiale didattico.

Quindi andate sulla pagina delle estensioni di LibreOffice e scaricate il file con estensione OXT, la dimensione è di soli 200 KB.

Una volta scaricato aprite LibreOffice e andate su Strumenti > Gestione estensioni. Quindi andate su Aggiungi e selezionate il file con estensione OXT appena scaricato.

A questo punto è sufficiente chiudere e riaprire LibreOffice per ritrovarsi a disposizione la barra degli strumenti (toolbar) di eLAIX. Se non la vedete andate su Visualizza > Barre degli strumenti e attivatela.

Scrivere un ePub con LibreOffice e eLAIX

Possiamo quindi cominciare a creare il nostro eBook utilizzando la comoda interfaccia di LibreOffice. Oppure, ed è un grande vantaggio, potete aprire un documento scritto per esempio in DOC e poi esportare in ePub.

Il modo più tranquillo di procedere è ovviamente quello di scrivere un nuovo libro da zero. Usando gli elementi strutturali è possibile realizza un eBook che funzioni bene e che non crei problemi. Quindi oltre ad usare liberamente il grassetto o il corsivo dovete far uso dei titoli per individuare i capitoli. Per farlo è sufficiente usare gli appositi pulsanti della barra degli strumenti i eLAIX, oppure usare gli stili di LibreOffice. Non modificate lo stile di un testo aumentandone la dimensione per fare i titoli perché in quel caso non saranno riconosciuti, ma usare i pulsanti di eLAIX.

Intestazioni eLAIX

Inoltre ricordatevi di usare le interruzioni di pagina per fare in modo che un titolo vada all’inizio della pagina successiva! Non usate i ritorni a capo per far andare alla pagina successiva il capitolo seguente.

Volendo eLAIX vi permette anche di inserire immagini e di impostarne l’impaginazione. Probabilmente ci vorranno un po’ di prove, ma è semplice anche questa parte.

Se invece avete già scritto il vostro eBook e lo avete salvato in un qualche formato (tipicamente DOC o RTF) avete comunque la possibilità di usarlo. È sufficiente aprire il vostro documento con LibreOffice e poi usare il Check Document di eLAIX, lo trovate come scopina nella barra degli strumenti o nella barra del menu. Una volta cliccata l’icona si aprirà una finestra in qui selezionare tutte le voci in alto e il vostro documento verrà analizzato alla ricerca di eventuali elementi problematici per la generazione dell’ePub. Risolvete i problemi in base alle indicazioni.

Elaix Check DocumentEsportare l’eBook in formato ePub

Se a questo punto avete scritto il vostro libro e il Check Document vi dice che è tutto a posto potete procedere con la generazione vera e propria dell’ePub. Sempre sulla barra degli strumenti di eLAIX c’è il pulsante per esportare in ePub, cliccatelo e si aprirà una nuova finestra. Sulla sinistra troverete un po’ di voci che riguardano i vari aspetti da considerare.

La prima Metadata required riguarda informazioni di carattere generale che è obbligatorio inserire: il vostro nome, il titolo e la lingua del libro, e il codice ISBN. Se non ne avete uno verrà inserito in identificativo casuale.

Le altre voci di tipo Metadata si spiegano praticamente da sole e riguardano altre informazioni di supporto del libro. In General invece dove salvare il file ePub ed eventualmente quali capitoli esportare.

Molto interessante è invece la voce Content.  Qui potete impostare la copertina selezionando un file dal vostro computer. Probabilmente ci vorrà qualche tentativo prima di raggiungere il risultato desiderato, ma sappiamo quando sia importante la copertina per un autore e quindi sono sicuro che il tempo si troverà. Ci sono poi altre impostazioni generali riguardo alla numerazione dei capitoli e alla generazione dell’indice.

Infine si arriva su Export in cui premere il pulsante Export e  generare finalmente il nostro ePub.

Le impostazioni che avete dato verranno salvate insieme al documento di LibreOffice, così da non doverle reinserire tutte le volte.

Tutto chiaro? Molto bene! Allora il vostro e-book sarà presto negli store. Troppo complicato? In tal caso trovare un grafico esperto in grado di impaginare il vostro libro sarà la strada migliore.

 

3 thoughts on “Come creare un eBook in formato ePub usando LibreOffice o OpenOffice

  • 30 luglio 2016 at 8:24
    Permalink

    Ottimo articolo, grazie per i suggerimenti, davvero utili.

    Reply
  • 24 marzo 2016 at 11:56
    Permalink

    Ottimo articolo, creare un epub con strumenti di uso abbastanza comune è sicuramente un vantaggio.

    I documenti in formato epub, al contrario dei soliti file, hanno contenuti dinamici e fluidi e si adattano agli schermi.

    Per chi mastica un pò di html e css, ci si potrebbe spingere oltre, ad esempio creare una brochure digitale in epub, con il vantaggio di essere fruibile su vari dispositivi senza passare dai vari store (google play, app store etc…)

    Ho scritto qualche appunto sulla struttura del file e su come iniziare per crearne uno da zero conoscendo html e css: http://www.wellnet.it/blog/brochure-e-libri-digitali-ovvero-ebook-formato-epub

    Reply
  • 7 maggio 2015 at 13:14
    Permalink

    Ottimo articolo, non ho provato tutti i modi o i programmi descritti, ma alcuni si e sono utili.
    I documenti in formato epub, al contrario dei soliti file, hanno contenuti dinamici e fluidi e si adattano agli schermi.

    Ma ho ricevuto la richiesta di un cliente per creare una brochure digitale in epub, un attimo diversa dai classici ebook.

    Può essere utile qualche appunto sulla struttura del file e su come iniziare per crearne uno da zero conoscendo html e css: http://www.wellnet.it/blog/brochure-e-libri-digitali-ovvero-ebook-formato-epub

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *